Bonus Arredi 2016 : interventi idraulici detraibili

| | ,

Bonus arredi 2016

Bonus Arredi 2016 : gli interventi che i clienti possono detrarre

Anche per il 2016 il bonus arredi prevede interventi detraibili che andranno ad incidere positivamente sulla professione idraulica. In particolare abbiamo verificato la recente circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 3/E del 2 marzo 2016 per capire quali vantaggi e svantaggi ci saranno per il nostro settore . La possibilità di detrarre o meno – infatti – modifica di anno in anno in modo significativo il potere di acquisto dei clienti finali.

Sostituzione Caldaia

Ottime notizie in questo senso per gli interventi di sostituzione della caldaia. Il Bonus Arredi infatti si applica per la sostituzione di una vecchia caldaia con una nuova, essendo questa considerata a tutti gli effetti una manutenzione straordinaria. E’ necessario però dimostrare l’effettivo risparmio energetico apportato dall’intervento . Questo punto è abbastanza facile, anche perchè si prevede che oltre l’80% degli interventi saranno finalizzati alla sostituzione di caldaie a camera aperta o stagna con caldaie a condensazione. E’ però importante far conservare al cliente tutta la documentazione comprovante l’effettivo risparmio energetico apportato.

Interventi su vasche da bagno

Più complicata invece la situazione per quanto riguarda  la sostituzione delle vasche da bagno tradizionali e l’installazione di vasche con sportello. La sostituzione infatti non è direttamente riconducibile al bonus arredi, anche quando questa facilita l’eliminazione delle barriere architettoniche. L’unico contesto nel quale si può configurare la detrazione è quello in cui la sostituzione della vasca rientri in un rifacimento più ampio, quale, ad esempio, la ristrutturazione dell’impianto idraulico.

Bonus Arredi 2016 : Attenzione con la pubblicità

Poichè la sola sostituzione della vasca tradizionale con una con sportello non configura il diritto al bonus arredi, è importante fare la massima attenzione in tutte le pubblicità che facciamo per la nostra azienda. Infatti, un volantino che inviti alla sostituzione della vasca vecchia con la nuova indicando il vantaggio del bonus arredi può configurare pubblicità ingannevole ai sensi dell’ art. 2 d.lgs 145/2007.

Previous

Palermo : controlli caldaie assenti da tre anni ?

Idraulico romano ucciso e bruciato. Fermata una donna

Next

Rispondi